Questo sito web utilizza dei cookies, anche di terze parti, al fine di raccogliere informazioni statistiche sugli utenti utili ad indirizzare loro messaggi promozionali in linea con le loro preferenze. Per negare il consenso a tali cookies, clicca qui. Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies.
Facebook di Intermedia Gruppo CaltagironeFACEBOOK Twitter di Intermedia Gruppo CaltagironeTWITTER Linkedin di Intermedia Gruppo CaltagironeLINKEDIN Canale Youtube di Intermedia Gruppo CaltagironeYOUTUBE Instagram di Intermedia Gruppo CaltagironeINSTAGRAM
Prenota la tua visita Immobili in affitto Immobili in vendita Job opportunity

News

Mutui e tassi di interesse: cosa sono?

Mutui e tassi di interesse: cosa sono?

L’acquisto di una casa è un momento importantissimo nella vita di tutti. La ricerca dell’abitazione perfetta è però una sfida e una volta trovata è fondamentale sapere cos’è un mutuo e conoscerne tutte le caratteristiche per richiederne uno per l’acquisto della propria abitazione. Oltre al mutuo, è inoltre fondamentale sapere anche cosa sono i tassi di interesse che lo caratterizzano così da poter fare una scelta consapevole e vantaggiosa.  

Cos’è un mutuo e cosa sono i tassi di interesse?

Un mutuo è per definizione un contratto che coinvolge due parti: il mutuante, ossia colui che eroga una somma di denaro o una quantità di beni fungibili, e il mutuatario, colui che si impegna a restituire alla scadenza la somma pattuita. Nella maggior parte dei casi, la parte che presta il cosiddetto capitale erogato è la banca, mentre la parte che si impegna a restituirlo, con l’aggiunta di determinati interessi, sono le persone che desiderano comprare casa e che sono in possesso di determinati requisiti.

Ogni mutuo è caratterizzato da tassi di interesse che costituiscono la remunerazione del creditore o mutuante in seguito all’erogazione del prestito. Sul mutuo vengono calcolati degli interessi passivi sulla base di tassi di riferimento specifici e che vengono restituiti con il capitale erogato attraverso versamenti periodici e secondo un piano di ammortamento prestabilito.

Esistono diverse tipologie di mutuo, con caratteristiche capaci di risponde a diverse esigenze. Sulla base dei tassi di interesse, è possibile distinguere tre tipologie di mutuo:

  • Il mutuo a tasso fisso è caratterizzato da un tasso che rimane costante per tutta la durata del piano di ammortamento ed è adatto per chi ha la necessità di pianificare con cura le proprie spese e il proprio impegno mensile;
  • Il mutuo a tasso variabile è strettamente legato all’andamento del mercato finanziario. In particolare fa riferimento all’indice di riferimento Euribor (tasso di interesse medio delle transazioni finanziare in euro tra le principali banche europee), infatti se l’Euribor sale la rata del mutuo aumenterà, se invece diminuisce anche la rata sarà ridotta;
  • Il mutuo a tasso variabile con cap è caratterizzato da un tasso di interesse che varia in base al parametro Euribor, ma senza mai superare la soglia fissata contrattualmente (il CAP). È una sorta di prodotto ibrido tra il mutuo a tasso fisso e quello a tasso variabile che permette di conoscere fin da subito l’importo massimo che la rata può raggiungere, e che sfrutta i benefici del tasso variabile, proteggendo il mutuatario da eccessivi rialzi dei tassi;
  • Il mutuo a tasso misto è una particolare tipologia di mutuo che permette di passare da un tasso fisso ad uno variabile (e viceversa) durante il periodo di ammortamento.

Esistono, inoltre, diverse tipologie di tassi di interesse che caratterizzano i contratti di mutuo, quali:

  • Tasso a Regime: in un mutuo a tasso variabile, è la somma tra lo spread e il tasso di base. Rappresenta il tasso effettivamente pagato dal mutuatario;
  • Tasso Base o di Riferimento: tasso indicato in contratto a cui aggiungere lo spread per determinare il Tasso a Regime;
  • Tasso di Ingresso: nel mutuotasso misto, è il saggio di interesse generalmente vantaggioso, che viene applicato per le prime rate di finanziamento;
  • Tasso fisso: interesse pagato dal mutuatario pattuito all’inizio del rapporto e mantenuto per tutta la durata del contratto;
  • Tasso Minimo (Garantito): nel mutuo a tasso variabile, è il tasso di interesse al di sotto del quale, nonostante ogni variazione del Tasso Base, il Tasso a Regime non potrà scendere. Tale saggio viene predeterminato per iscritto all’inizio del rapporto;
  • Tasso Variabile: il tasso di interesse pattuito che muta nel tempo, a seconda del parametro Euribor sommato allo spread.

Prima di chiedere un mutuo è però fondamentale calcolare bene la rata che si potrà sostenere, in base al reddito percepito e che si pensa di percepire negli anni a venire. Il rapporto rata-reddito è una valutazione importantissima da fare per scegliere la tipologia di mutuo ed evitare problemi nel piano d’ammortamento.

Quali sono i requisiti necessari per richiedere un mutuo?

Esistono due tipologie di requisiti, quelli legati e quelli economici.
I requisiti legali sono:

  • Avere la cittadinanza italiana o in alternativa nella Comunità Europea;
  • La residenza o domicilio fiscale in Italia;
  • Aver compiuto 18 anni.

Quelli economici, invece, sono i fattori fondamentali sui quali si basa la valutazione della banca per procedere o meno con il contratto, e sono:

  • La capacità di rimborso del mutuatario e il rapporto tra la rata del mutuo e il reddito mensile del mutuatario. Le politiche creditizie solitamente prevedono che la rata non ecceda una determinata percentuale rispetto al reddito, normalmente si aggira intorno al 30%;
  • Il valore dell’immobile oggetto del finanziamento;
  • L’idoneità tecnico e legale dell’immobile ad essere ceduto;
  • La presenza di garanzie supplementari.

Passaggio fondamentale per la stipulazione del contratto di mutuo è infatti la costituzione dell’ipoteca, ossia la garanzia che tutela la banca, che copre il capitale erogato, ma anche:

  • Gli interessi nella misura concordata;
  • Gli eventuali interessi di mora nel caso di ritardi o mancato pagamento delle rate;
  • I premi assicurativi;
  • Gli oneri erariali, i tributi, la spesa, gli oneri notarili e professionali;
  • Le spese giudiziali che la banca potrebbe sostenere per il recupero di quanto dovuto.

Ora che hai tutte le informazioni, potrai trovare casa e richiedere un mutuo con sicurezza e tranquillità. Inoltre, l’attuale situazione economica ha portato a una diminuzione sui tassi di interesse, rendendo la richiesta di un mutuo molto vantaggiosa: se stai cercando casa, è un buon momento per acquistare!

Grazie alle collaborazioni con i Primari istituti di Credito Italiani, noi di Intermedia siamo in grado di proporti mutui fino al 95% del valore dell’abitazione senza spese di intermediazione finanziaria. Contattaci per ricevere tutte le informazioni di cui hai bisogno.