Questo sito web utilizza dei cookies, anche di terze parti, al fine di raccogliere informazioni statistiche sugli utenti utili ad indirizzare loro messaggi promozionali in linea con le loro preferenze. Per negare il consenso a tali cookies, clicca qui. Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies.
Facebook di Intermedia Gruppo Caltagirone Twitter di Intermedia Gruppo Caltagirone Linkedin di Intermedia Gruppo Caltagirone Canale Youtube di Intermedia Gruppo Caltagirone Instagram di Intermedia Gruppo Caltagirone
Prenota la tua visita Cerca il tuo immobile Job opportunity

News

Aprire un mutuo per la casa non è mai stato così conveniente: i tassi nel 2019 sono ai minimi storici

Aprire un mutuo per la casa non è mai stato così conveniente: i tassi nel 2019 sono ai minimi storici

Per chi vuole sottoscrivere un mutuo è un momento d’oro, perché i tassi del 2019 sono ai minimi storici. La discesa è costante e non incontra ostacoli, dal momento che negli ultimi due mesi i tassi sono scesi ulteriormente: i dati, relativi al 30 maggio 2019, indicano che in media un prestito ipotecario a tasso fisso in Italia costa l’1,8%, ma è possibile trovare finanziamenti fissi a 20 anni sotto l’1,5% di costo effettivo, cioè compreso di spese bancarie legate alla stipula dell’accordo e all’incasso delle rate. Per rendersi conto della convenienza basta pensare che nella primavera del 2012, il tasso era del 6%, nel 2016 era sceso al 2,3% e allora sembrava una quota irripetibile e imperdibile.

Anche i tassi dei mutui variabili sono ai minimi storici

Anche i mutui variabili per la casa in questo 2019 sono ai minimi storici. Sono addirittura scesi sotto l’1%, per la precisione hanno un costo medio dello 0,88%. La discesa è vertiginosa considerando che nel 2012 il tasso era al 3,7%, mentre tre anni fa si assestava sull’1,23%. I dati medi, in quanto tali, ne contengono alcuni ancor più aggressivi e convenienti: nello specifico, le migliori condizioni si attivano quando il finanziamento non va oltre il 50% del valore dell’immobile.

Perché i mutui per la casa sono ai minimi storici

I motivi per cui i mutui per la casa nel 2019 sono così bassi è la combinazione di più fattori economici. Non c’è un legame diretto con il calo dello spread, perché i mutui sono parametrati a indici relativi all’area europea, non a quella italiana. La causa principale è che l’indice di riferimento dei mutui a tasso fisso, cioè l’Eurirs, negli ultimi mesi è crollato. Quello dei tassi variabili, l’Euribor, è invece sottozero da ormai tre anni, e si suppone che la Banca Centrale Europea abbia previsto ulteriori allenamenti.

Le incongruenze sulla quantità di mutui nel 2019

La stranezza consiste nella perdita di appeal da parte dei mutui, nonostante i tassi siano ai minimi storici nel 2019. Alla fine dello scorso maggio, nonostante i tassi siano in discesa, molte banche hanno registrato una discesa del 6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Queste stesse banche sottolineano come ci sia una fetta di aspiranti mutuatari, ma che questi siano in attesa per via delle incertezze politiche e della vacuità di alcune leggi. In realtà, questi dati sarebbero relativi sia alle domande di mutuo che a quelle di surroga, cioè del trasferimento del mutuo da una banca all’altra, infatti secondo alcuni studi, i mutui legati al puro acquisto sarebbero in aumento, come sottolineato dal parallelo aumento delle compravendite.