Questo sito web utilizza dei cookies, anche di terze parti, al fine di raccogliere informazioni statistiche sugli utenti utili ad indirizzare loro messaggi promozionali in linea con le loro preferenze. Per negare il consenso a tali cookies, clicca qui. Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies.
Facebook di Intermedia Gruppo CaltagironeFACEBOOK Twitter di Intermedia Gruppo CaltagironeTWITTER Linkedin di Intermedia Gruppo CaltagironeLINKEDIN Canale Youtube di Intermedia Gruppo CaltagironeYOUTUBE Instagram di Intermedia Gruppo CaltagironeINSTAGRAM
Prenota la tua visita Cerca il tuo immobile Job opportunity

News

Detrazioni affitto 2020: tutte le agevolazioni fiscali per chi stipula o rinnova un contratto di locazione.

Detrazioni affitto 2020: tutte le agevolazioni fiscali per chi stipula o rinnova un contratto di locazione.

La legge italiana prevede dei benefici in termini di agevolazioni fiscali (detrazioni in varie misure) per i canoni di locazione regolarmente registrati. In particolare, le diverse tipologie di detrazione per l’affitto nel 2020 sono previste per chi ha in locazione un immobile adibito ad abitazione principale, per i giovani fino a 30 anni, gli studenti, i lavoratori fuori sede. Poi, è contemplata anche una detrazione affitto nel 730 fino a una determinata soglia di reddito. In questo articolo facciamo chiarezza sul tema: continua a leggere.

Detrazione affitto 2020 per la prima casa: cosa c’è da sapere.

Hai stipulato o rinnovato un contratto di locazione di un immobile adibito ad abitazione principale (ai sensi della Legge n. 431 del 9 dicembre 1998)? Puoi usufruire della detrazione affitto nel 730 o dichiarazione dei redditi.

Le agevolazioni fiscali, in questo caso, sono riconosciute e graduate in relazione all’ammontare del reddito complessivo:

  • 300 euro se il reddito complessiva non supera 15.493,71 euro;
  • 150 euro se il reddito complessivo è compreso tra 15.493,71 euro e 30.987,41 euro.

Per avvalersi della detrazione affitto 2020 è necessario conservare i seguenti documenti: contratto di locazione registrato su cui risulta la norma della quale è stato stipulato; autocertificazione nella quale si attesta che l’immobile è utilizzato come abitazione principale.

È prevista un’agevolazione fiscale anche per i contratti in regime convenzionale con una detrazione d’imposta pari a 495,80 euro se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro o di 247,90 euro nel caso in cui il reddito complessivo è compreso fra 15.493,71 e 30.987,41 euro. Non è contemplata alcuna detrazione, invece, se il reddito supera i 30.987,41 euro.

Detrazione affitto 2020 a favore dei giovani: in cosa consiste l’agevolazione?

Se hai tra i 20 e i 30 anni e hai stipulato un contratto di affitto per un immobile da destinare ad abitazione principale, la Legge n. 431 del 9 dicembre 1998 prevede una detrazione nel 730 pari a 991,60 euro. In questo caso è importante sapere che:

  • L’agevolazione è valida per i primi tre anni. Quindi, se hai stipulato il contratto nel 2019, puoi fruirne per gli anni d’imposta 2019, 2020 e 2021.
  • Il reddito complessivo non deve superare i 15.493,71 euro.
  • L’immobile dev’essere diverso dall’abitazione in cui risiedono i tuoi genitori.
  • Il requisito dell’età è soddisfatto qualora ricorra anche solo per una parte del periodo in cui si intende fruire della detrazione per l’affitto.
  • È necessario conservare il contratto di locazione registrato e l’autocertificazione in cui si attesta che l’immobile è utilizzato come abitazione principale.

Ti sei trasferito per lavoro? Approfitta della detrazione affitto 2020.

Sei un lavoratore dipendente e, su richiesta aziendale, devi cambiare città e trasferire altrove la tua residenza per motivi di lavoro? Puoi approfittare della detrazione affitto nel 730 se:

  • Il nuovo comune di residenza si trova ad almeno 100 chilometri di distanza dal precedente e comunque fuori dalla tua regione.
  • Hai cambiato residenza da non più di tre anni.
  • Il contratto di locazione si riferisce a un immobile utilizzato come abitazione principale.
  • Non percepisci redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente.
  • Non cessi di essere lavoratore dipendente nel corso del periodo di spettanza della detrazione (in questo caso il diritto alla detrazione viene perso a partire dall’anno d’imposta successivo a quello in cui non sussiste più tale qualifica).

La detrazione per l’affitto di un immobile a seguito di un trasferimento lavorativo può essere fruita nei primi tre anni dal cambio di residenza (se è avvenuto nel 2018, per esempio, puoi beneficiarne per anni d’imposta 2018, 2019 e 2020). Inoltre, spetta nella misura di 991,60 euro se il reddito complessivo è inferiore 15.493,71 euro o di 495,80 euro se il reddito complessivo è compreso tra 15.493,71 e 30.987,41 euro.

Per gli studenti fuorisede, una detrazione sull’affitto del 19%.

La Legge prevede un’agevolazione anche per gli studenti iscritti a un corso di laurea universitario. In questo caso la detrazione per l’affitto è del 19% e viene calcolata su un importo massimo di 2.633,00 euro. Possono beneficiarne sia lo studente sia il familiare di cui lo stesso risulta fiscalmente a carico, sulla base delle seguenti condizioni:

  • La sede dell’università dev’essere in un comune distante almeno 100 chilometri da quello di residenza dello studente;
  • Il comune di residenza dello studente deve appartenere a una provincia diversa da quella in cui si trova l’università.
  • Il contratto di locazione dev’essere stipulato o rinnovato a canone ‘convenzionale’.
  • Lo studente deve risultare iscritto a un corso di laurea presso un’università, un ITS, un conservatorio musicale o un istituito musicale pareggiato presenti sul territorio italiano, europeo o in quello di uno stato aderente all’Accordo sullo spazio economico europeo.

Qualora vengano rispettati tutti i requisiti, è possibile detrarre:

  • I canoni di locazione stipulati o rinnovati ai sensi della Legge n. 431 del 8 dicembre 1998 (contratti registrati per l’affitto di un immobile a uso abitativo), sia per l’intera casa che per un singolo posto letto.
  • I canoni relativi ai contratti di ospitalità stipulati con enti per il diritto allo studio, università, collegi universitari legalmente riconosciuti, enti senza fine di lucro e cooperative.

Non sono ammessi alla detrazione affitto 2020 per studenti il deposito cauzionale né le spese condominiali e di riscaldamento.

Per ulteriori informazioni sulle detrazioni affitto 2020 puoi affidarti al centro di assistenza fiscale più vicino a te. Ma se stai cercando una casa in locazione a Roma, scegli Intermedia: contattaci per scoprire le soluzioni disponibili e le promozioni attive.