Questo sito web utilizza dei cookies, anche di terze parti, al fine di raccogliere informazioni statistiche sugli utenti utili ad indirizzare loro messaggi promozionali in linea con le loro preferenze. Per negare il consenso a tali cookies, clicca qui. Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies.
Facebook di Intermedia Gruppo CaltagironeFACEBOOK Twitter di Intermedia Gruppo CaltagironeTWITTER Linkedin di Intermedia Gruppo CaltagironeLINKEDIN Canale Youtube di Intermedia Gruppo CaltagironeYOUTUBE Instagram di Intermedia Gruppo CaltagironeINSTAGRAM
Prenota la tua visita Cerca il tuo immobile Job opportunity

News

La carta da parati nel 2020 è ancora di moda? Sì, e non è mai stata così pratica e funzionale

La carta da parati nel 2020 è ancora di moda? Sì, e non è mai stata così pratica e funzionale

Tutto torna, dicono. Succede anche alla carta da parati nel 2020. Le origini e l’utilizzo di questo elemento decorativo, infatti, sono antichissimi. Da sempre, infatti, l’uomo sente la necessità di ornare le pareti (esterne e interne) degli edifici. Inizialmente i rivestimenti delle pareti erano privilegi per poche: tendaggi, affreschi ma anche coperture in legno, stucco e cuoio erano presenti all’interno degli edifici abitati dalle famiglie nobili; durante il Medioevo, le corti europee più importanti decoravano le pareti dei loro palazzi e castelli con gli arazzi tipicamente arabi. Nel dodicesimo secoli questi, però, iniziarono a essere sostituiti con carta importata dalla Cina, meno costosa.

La carta da parati nasce però a tutti gli effetti nel ‘700, grazie all’incisore francese Jean Papillon il Giovane, e venne perfezionata nel corso dell’Ottocento grazie alle più moderne tecniche industriali. Lo stile Liberty di inizio Novecento prima e le tendenze di arredo degli anni Settanta poi hanno visto un’ampia diffusione e un vasto utilizzo di questo rivestimento per le pareti domestiche. La carta da parati nel 2020 è ben diversa, tuttavia, dal classico materiale utilizzato in passato; esistono, infatti, tante nuove forme, diverse declinazioni, vari materiali e altrettanti colori, dimensioni e grafiche assolutamente personalizzate.

Carta da parati nel 2020: dieci imperdibili tendenze, più una.

La carta da parati non è una novità tra le tendenze del momento: negli ultimi anni, infatti, ha riscontrato una crescita costante e incessante. Questo è dovuto principalmente ad alcuni motivi, primo fra tutti la sua capacità di essere un elemento decorativo assolutamente personale in grado di rendere unico e di far sentire completamente proprio lo spazio abitativo. Non solo: la carta da parati nel 2020 è anche estremamente pratica e facile da installare, anche in autonomia; inoltre è disponibile in una molteplicità di grafiche in grado di valorizzare e trasformare ogni ambiente in poco tempo.

I trend del momento parlano chiaro: le fantasie più in voga del momento sono principalmente dieci.

  1. Stile Chintz, ossia decorazioni floreali, raffinate e piene di movimento, esuberanti ma dal sapore vintage. Le carte da parati di questo tipo sono perfette per ravvivare una stanza o accentuare uno stile di arredamento eclettico.
  2. Toni audaci e invitanti: colori caldi come corallo, terracotta, salvia, grigio caldo, senape e oro ma anche alcuni rossi. E poi blu classico, colore Pantone dell’anno. Per evitare un’eccessiva saturazione dello spazio è possibile optare per carte da parati con vari disegni colorati e combinati fra loro.
  3. Atmosfera naturale, grazie agli sfondi botanici e naturali in grado di donare benessere e relax.
  4. Design simil-metallo, tipicamente industriale e irresistibilmente contemporaneo. Sono carte da parati capaci di adattarsi al design high-tech e che possono essere abbinate a rivestimenti sia lucidi che opachi.
  5. Sfondi tridimensionali, in grado di dare un tocco di realismo e consistenza agli interni. Possono essere realistici, con effetto mattoni o legno, ma anche con disegni geometrici per un effetto optical.
  6. Lusso e art déco d’ispirazione anni Venti: si tratta di carte da parati con composizioni geometriche particolarmente indicate in ingressi, salotti o nella camera da letto principale.
  7. Monocromo, con rivestimenti di colore bianco, nero oppure grigio, perfetti per gli interni in stile scandinavo.
  8. Design a gradiente: carte da pareti in toni chiari e con effetto “sfumato”, indicate per le stanze dedicate ai più piccoli di casa.
  9. Murales: carte sceniche e immagini realistiche che ritraggono trame pittoriche, panorami suggestivi, foto di natura o di una città, perfette per mettere le pareti al centro della scena.
  10. Effetto marmo, sì anche per la carta da parati. Dopo aver conquistato il gres e i materiali sintetici che lo imitano, anche i rivestimenti si lascia influenzare da questa nuova tendenza.

La carta da parati nel 2020 è così di moda che non si ferma alle pareti, sfida le convenzioni e supera i limiti del designi: hai mai pensato di metterla sul soffitto? Questo, infatti, è uno dei trend più audaci del settore, un modo inaspettato per rendere ancora più originale la propria casa.

Le tendenze in fatto di carta da parati nel 2020 stimolano la tua creatività e la tua voglia di personalizzare un ambiente domestico ma ancora non hai trovato lo spazio dei tuoi sogni? Intermedia può trovare la casa che fa per te. Contattaci e raccontaci i tuoi desideri.