Utilizzando questo sito accetti l'uso di cookie per analisi e contenuti personalizzati. Approfondisci
Facebook di Intermedia Gruppo Caltagirone Twitter di Intermedia Gruppo Caltagirone Linkedin di Intermedia Gruppo Caltagirone Canale Youtube di Intermedia Gruppo Caltagirone Instagram di Intermedia Gruppo Caltagirone
Prenota la tua visita Cerca il tuo immobile Job opportunity

News

Case in vendita a Roma, animali negli spazi comuni: una normativa molto rigida

Case in vendita a Roma, animali negli spazi comuni: una normativa molto rigida

Oggi non parliamo solo di case in vendita a Roma ma anche di regole per chi è accompagnato dal proprio migliore amico.

Animali e condominio rappresentano un binomio non sempre facile da gestire e non sempre il buonsenso dell'amministratore condominiale, che in molti casi cerca di trovare nella mediazione più che nelle regole una soluzione, riesce ad essere sufficiente.

Cerchi casa in vendita a Roma ma hai un cane? Ecco alcune cosa da sapere.
Chiunque abbia un animale in appartamento sa che la coesistenza con vicini e condomini poco tolleranti può dar vita ad attriti e dissapori. Ovviamente la materia è stata in passato oggetto di confronti e discussioni e da qualche tempo una nuova normativa sembra aver trovato la quadratura del cerchio.

In buona sostanza la nuova Legge sulla permanenza di cani, gatti e altri animali da compagnia all'interno dei condomini sancisce definitivamente il diritto a possederne ma fissa anche alcune regole. L'animale non può essere lasciato libero nelle parti comuni del condominio, emanare cattivi odori o emettere in continuazione rumori molesti. Il regolamento condominiale, inoltre, può limitare il diritto a detenere animali in casa per ragioni igienico-sanitarie. A esempio, può limitare il numero di animali che possono avere accesso ad ogni abitazione.

Gli accordi condominiali possono limitare l'accesso degli animali in zone comuni ben definite, purché ciò non violi, di fatto, il diritto sancito dalla legge. Ovunque l'animale, in particolare i cani, possono incontrare altre persone, è necessario l'uso del guinzaglio e, all'occorrenza, della museruola. Può essere fatto divieto di detenere un animale da compagnia in appartamento qualora l'animale questione produca rumori molesti di notte e di giorno.

In questi casi, si tiene conto del principio di 'normale tollerabilità' richiesto dalla pacifica convivenza condominiale. E per quanto concerne gli affitti di appartamenti a Roma? Il locatario può sempre inserire una clausola di divieto alla detenzione di animale da compagnia nel proprio appartamento.

Per chi cerca casa in vendita a Roma, Intermedia propone anche diverse soluzioni con terrazze dove poter sistemare l’amato fido.